IL 5 FEBBRAIO ENRICO GIOVANNINI PRESENTA A PISA IL SUO ULTIMO LIBRO “L’UTOPIA SOSTENIBILE” - ciapisa
15766
post-template-default,single,single-post,postid-15766,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

IL 5 FEBBRAIO ENRICO GIOVANNINI PRESENTA A PISA IL SUO ULTIMO LIBRO “L’UTOPIA SOSTENIBILE”

Il Professor Giovannini è una figura di  prestigio del mondo accademico, anche per i numerosi ruoli ricoperti. E’ stato tra l’altro Presidente dell’Istat e Ministro del Lavoro del Governo Letta. Da anni svolge il suo ruolo di economista in modo molto attivo. Il suo impegno costante è rivolto soprattutto a mettere in guardia chi ha potere decisionale in ambito politico economico, ma anche i cittadini stessi, circa i gravissimi rischi che corriamo in relazione ad un modello di economia che ormai mostra tutti i propri limiti in relazione alle grandi emergenze dei nostri tempi: in primis i cambiamenti climatici, la crescita esponenziale della popolazione mondiale e la gestione dei flussi migratori. Da una sua idea è nata ASviS (www.asvis.it), Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile, della quale ora è portavoce. L’Alleanza E’ nata il 3 febbraio del 2016, su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Enrico Giovannini è un sostenitore dell’economia circolare e di questo tratta nel suo libro “L’Utopia Sostenibile”.  “Per costruire un futuro migliore ci serve un’utopia. Un’utopia sostenibile. È la via maestra che Enrico Giovannini indica per il raggiungimento entro il 2030 degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’ONU. Fame, salute, acqua, povertà, energia, infrastrutture, occupazione, disuguaglianze, clima, pace, istruzione sono questioni che si affrontano solo con un pensiero integrato e il concorso di forze politiche, economiche e sociali. Continuare a pensare e ad agire come nel passato vuol dire far precipitare il nostro mondo in una profonda crisi ambientale, economica, sociale. È richiesto l’impegno di tutti e un profondo cambiamento del modo in cui leggiamo e affrontiamo i problemi che ci circondano.” Scrive l’Editore Laterza nel sunto di presentazione della pubblicazione.

Come Cia di Pisa da sempre pensiamo che discutere di questi temi e dare anche un contributo propositivo nella discussione rientri a pieno nelle nostre funzioni, in quella che si chiama la mission, per questo abbiamo contattato il Professor Giovannini chiedendogli la disponibilità a venire a Pisa a presentare il suo libro, presentare le attività di ASviS e discutere anche di come l’agricoltura possa rivisitare il proprio ruolo nell’ambito del sistema economico.

L’agricoltura tradizionale, in particolare quella mezzadrile, che ha modellato i nostri territori conferendo loro caratteristiche paesaggistiche uniche, che ha determinato sostanziali modifiche socio economiche, era evidentemente un modello di economia circolare. La fattoria mezzadrile prevedeva una serie di attività ed un’organizzazione sociale dove ogni cosa aveva un senso ed era funzionale alle comunità sulle quali poggiava. Non esistevano sprechi, non c’erano problemi di smaltimento rifiuti, ognuno aveva un proprio ruolo ben definito e funzionale, dall’infanzia fino alla morte. E’ chiaro che nessuno pensa alla riproponibilità della mezzadria, ma sicuramente anche questa analisi storica può accrescere la consapevolezza che l’agricoltura possa davvero avere centralità nella ineludibile e necessaria rivisitazione dell’assetto del nostro futuro. Anche il sistema agricolo deve però maturare la consapevolezza che l’attuale modello non regge e non ha prospettive. Non le ha per la sostenibilità ambientale e neanche per la sostenibilità economica delle imprese. Serve un po’ più di coraggio, servono discussioni ed elaborazioni che vadano  oltre il contingente, servono persone come Enrico Giovannini che hanno la capacità di coinvolgere il mondo economico, le Istituzioni e i cittadini stimolando in tutti quella voglia di cambiamento che è necessaria.

Parleremo di tutto questo il 5 Febbraio a Pisa. Lo faremo nella sala convegni della Camera di Commercio che è la casa di tutte le imprese. Lo faremo con il Professor Giovannini che presenterà il suo libro e che discuterà di economia circolare e bioeconomia in agricoltura insieme a Dino Scanavino, Presidente Cia Nazionale, Gianluca Brunori dell’Università di Pisa, Rossano Pazzagli dell’Università del Molise e Francesco Elter Presidente della Cia di Pisa. Modererà la mattinata Gilberto Santucci, giornalista e scrittore oltre che dirigente dell’Istituto Agrario Ciuffelli di Todi.